Dental Laser 4×4

Dental Laser System 4×4, piattaforma laser dentale composta da quattro apparecchiature in una, è lo stato dell’arte dell’odontoiatria laser per i trattamenti delle parodontiti, delle peri-implantiti, delle infezioni del cavo orale e della chirurgia orale.

Per la prima volta la parodontite si cura davvero

L’innovativo sistema brevettato, permette di curare in maniera efficace e precisa la parodontite. Il trattamento con Dental Laser, dai primi test clinici, ha prodotto risultati straordinari.

I pazienti trattati 4 anni fa tutt’ora non hanno presentato alcuna recidiva. Grazie all’utilizzo della fotodiagnostica e della termocamera, il dentista può operare con la massima sicurezza.

APPLICAZIONI

  • Trattamenti in campo odontoiatrico su tessuti molli e duri, escluso il tessuto osseo
  • Trattamenti in campo odontoiatrico su tessuti molli di fotoablazione, taglio chirurgico, terapia fotodinamica e terapia fotoinduttiva
  • Applicazioni di semplice chirurgia di fotoablazione e taglio
  • Trattamenti endodontici
  • Trattamenti parodontali
  • Trattamento della parodontite apicale
  • Trattamenti peri-implantari
  • Rimodellazione gengivale
  • Depigmentazione gengivale (sbiancamento gengivale)
  • Trattamenti di igiene dentale
  • Trattamento del lichen planus orale
  • Facilitazione al rilevamento delle carie
  • Rilevazione del tartaro
  • Polimerizzazione materiali compositi
  • Sbiancamento dentale
  • Trattamento della sindrome temporo-mandibolare
  • Trattamento dei dolori miofacciali e del collo

Le emissioni luminose del 4×4 Dental Laser System possono essere applicate ai tessuti essenzialmente in due modi, a contatto e non a contatto con i tessuti stessi, riferendosi al fatto che il manipolo applicatore sia o meno aderente al tessuto da trattare.

Nella modalità a contatto l’applicatore è messo volutamente a contatto con il tessuto da trattare. In questo modo viene trasferita al tessuto la massima densità di potenza ottenendo un riscaldamento più intenso.

Nei trattamenti viene sfruttato principalmente l’effetto termico dovuto al riscaldamento della punta dell’applicatore. Questa modalità è utilizzata principalmente per causare l’evaporazione dei tessuti (fotoablazione), il taglio e la decontaminazione batterica delle superfici, etc….
Nella modalità di trattamento non a contatto, l’applicatore è posto ad una certa distanza dalla superficie da trattare. La modalità di trattamento non a contatto viene utilizzata principalmente per applicazioni di biostimolazione, effetti fototermici, applicazioni contro il dolore, sbiancamento, polimerizzazione, applicazioni antimicrobiche, terapia fotodinamica, etc…

L’apparecchiatura 4×4 Dental Laser System è dotata di dispositivi di ausilio per il controllo dell’esecuzione dei trattamenti, in particolare un manipolo con sensore termico e di un manipolo con LED viola.
Si deve osservare che il manipolo LED viola non solo ha funzioni di diagnostica, ma permette anche applicazioni di attivazione di fotoattivatori sia per applicazioni di fotopolimerizzazione sia di sbiancamento.

Oltre 30 trattamenti possibili con 1 sola tecnologia

Corsi di formazione per l'utilizzo dell'apparecchiatura

PARODONTOLOGIA

L’applicazione della fibra ottica a contatto ed il riscaldamento della punta della fibra ottica, causato dalla radiazione laser, permette di vaporizzare e/o rimuove lo strato superficiale del tessuto nella zona di trattamento. Il trattamento laser assistito consente un intervento già durante la prima visita anche in zone di tessuto in stato infiammatorio. Più la zona del tessuto sottoposta a trattamento è ricca di pigmenti (emoglobina e melanina), più efficiente è il processo di ablazione.

RIMODELLAZIONE GENGIVALE

Il dispositivo consente interventi di rimodellazione di tessuto gengivale anomalo con risultati esteticamente migliori, tempi più brevi e maggior precisione rispetto ad altre tecniche. Il rimodellamanto gengivale interessa il tessuto epiteliale e, se necessario, anche il tessuto connettivo.

ALLUNGAMENTO ESTETICO DELLA CORONA NEI TESSUTI MOLLI

Il trattamento, di tipo estetico – funzionale, consente di intervenire sul tessuto molle parodontale per ottenere il profilo estetico desiderato e/o il corretto bilanciamento dell’altezza e larghezza gengivale. L’allungamento della corona interessa il tessuto epiteliale e, se necessario, anche il tessuto connettivo.

CONDIZIONAMENTO SULCULARE
(PRIMA DELL’IMPRONTA)

La piattaforma può costituire un utile complemento per il raggiungimento delle aspettative di qualità nella restaurazione estetica, come quelle offerte dalle tecniche CAD/CAM, anche in un’unica seduta, operando in modo minimamente traumatico. Questa procedura può essere eseguita congiuntamente con la preparazione della corona.

EMOSTASI

Questo trattamento si applica al controllo del sanguinamento da vasi sanguigni di dimensione non eccessiva.

TAGLIO CHIRURGICO

Questa procedura si adotta nei casi in cui è necessario effettuare incisioni su tessuti molli infiammati, malati o comunque ricchi di pigmenti, dove è difficile e/o molto doloroso intervenire con bisturi o altri attrezzi meccanici.

BIOPSIA

Lo scopo della biopsia è di prelevare dei campioni di tessuto per indagini di laboratorio, anche effettuando comparazioni con tessuti sani. La biopsia laser assistita è più precisa, con minori danni e complicazioni, e con contestuale emostasi. Occorre eseguire con attenzione le procedure di taglio riducendo al minimo i danneggiamenti tissutali dovuti al laser in modo che la zona di interesse rimanga integra. È buona norma avvertire il laboratorio che la biopsia è stata effettuata con chirurgia laser, specificando anche la lunghezza d’onda e la modalità.

GENGIVECTOMIA

Il dispositivo consente di effettuare anche interventi di asportazione di porzioni di gengiva sia per scopi estetici che per trattamento di patologie o per consentire l’esecuzione di altri interventi di trattamento dando l’accesso necessario alle strutture interne, in modo minimamente traumatico.

FRENOTOMIA E FRENULECTOMIA

Queste procedure consentono la riduzione di frenuli (frenulo mandibolare – labiale o buccale, linguale; frenulo mascellare labiale e buccale). Si applicano ai trattamenti per il taglio e l’asportazione dei frenuli per la riduzione dell’eccesso di tensione muscolare o per motivi estetici.

TRATTAMENTO DELLE ULCERE AFTOSE E LESIONI ERPETICHE

Il dispositivo si rivela efficace e veloce nel trattamento delle afte, dell’herpex e delle conseguenti lesioni ulcerose. In questo caso l’obiettivo è quello di distruggere le colonie virali responsabili della condizione in modo da ridurre l’infiammazione ed il disagio causato dall’ulcera. Il dolore viene ridotto immediatamente e gli altri sintomi scompaiono in pochi giorni. Trattamenti ripetuti, riducono l’incidenza delle recidive. A differenza delle terapie con farmaci, la terapia laser non ha controindicazioni ed effetti collaterali, è un trattamento a basso costo, efficace.

ASPORTAZIONE DI UN FIBROMA, EPULIDE O GRANULOMA

Queste procedure si applicano all’asportazione di fibromi su di un tessuto molle, alla rimozione di un epulide (Epulis Fissurata) di qualsiasi tipo, granulomatosa, a cellule giganti, fibrosa, etc…, alla rimozione di tessuto granulomatoso che debba essere asportato per l’eventuale successiva analisi di laboratorio. Lo scopo della biopsia laser assistita è di prelevare dei campioni di tessuto per indagini di laboratorio, anche effettuando comparazioni con tessuti sani, in modo minimamente traumatico.

INCISIONE E ESCISSIONE GINGIVALE

Questa procedura si applica a trattamenti di gengivectomia, gengivoplastica, rimozione dell’ iperplasia gengivale, opercolectomia, papillectomia orale, vestibuloplastica, esposizione di denti non erotti. Lo scopo della procedura laser assistita è quella di modificare, rimuovere o vaporizzare il tessuto gengivale bersaglio come desiderato, in modo minimamente traumatico.

VERRUCHE

La piattaforma laser consente di effettuare trattamenti per la rimozione di vari tipi di lesione tipo verruca e papillomatose.

TRATTAMENTO DI ASCESSI

La procedura si applica al trattamento di un ascesso localizzato periapicale o parodontale. Lo scopo del trattamento laser assistito è l’incisione ed il drenaggio di un ascesso operando in modo minimamente traumatico e veloce.

EMOANGIOMA

Il sistema laser consente anche trattamenti di emoangiomi di dimensioni limitate, e si applica alla rimozione di un emoangioma del labbro, guancia o lingua, così come a lesioni blu e/o lago venoso (venous lake).

RIDUZIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA VIRUS, BATTERI E FUNGHI

La procedura si applica alla decontaminazione di tessuti contaminati da virus, batteri e funghi. Per la valutazione oggettiva dello stato di contaminazione del tessuto e del livello di decontaminazione ottenuto sono necessari test microscopici o citologici. La procedura si può applicare sia al trattamento di tessuti molli che tessuti duri, quali osso o denti. Il tipo di radiazione emessa dal sistema non è adatto alla rimozione di depositi calcarei o batterici e di concrezioni, ma permette una decontaminazione efficace.

DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI METALLICHE

Questo trattamento si applica alla decontaminazione di superfici metalliche o plastiche contaminate da virus, batteri e funghi. Per la valutazione oggettiva dello stato di contaminazione e del livello di decontaminazione ottenuto sono necessari test microscopici o cellulari. Il tipo di radiazione emessa dal sistema non è adatto alla rimozione di depositi calcarei o batterici e di concrezioni, ma permette una decontaminazione efficace.

CISTI DA RITENZIONE

Questa procedura il cui scopo è rimuovere qualsiasi tessuto cistico, si applica all’asportazione di cisti da ritenzione ed è molto simile al taglio chirurgico.

RIMOZIONE DI TESSUTO IPERPLASTICO

Questa procedura si applica ai casi in cui è necessario rimuovere qualsiasi tipo di tessuto iperplastico, purchè molle.

CRESTA EDENTULA

Il sistema consente l’esecuzione di trattamenti di rimodellazione mandibolare tra cui anche la correzione della cresta edentula. Questa procedura si applica alla rimozione di tessuto in eccesso per chirurgia pre-protesica.

VESTIBOLOPLASTICA

Le indicazioni chirurgiche di ablazione si applicano anche nel caso di modellazione dell’appoggio protesico di dentiere non bene adattate a causa dell’alta trazione muscolare.

DEPIGMENTAZIONE GENGIVALE

In alcuni casi possono presentarsi zone dell’epitelio gengivale con eccessiva pigmentazione, così da risultare più scure del resto della gengiva, casi che possono assumere l’importanza di difetti estetici. Il sistema permette un protocollo applicativo di trattamento efficace di depigmentazione mediante fotoablazione.

DECONTAMINAZIONE BATTERICA NEL CANALE

Il dispositivo laser può essere utilizzato anche per trattamenti endodontici di decontaminazione dei canali, specialmente se particolarmente infetti o di canali che devono essere ritrattati.

FOTOPOLIMERIZZAZIONE

Il sistema può essere utilizzato per attivare la polimerizzazione di materiali compositi contenenti fotoiniziatori. Le applicazioni variano dal restauro dentale all’incollaggio con adesivi.

TRATTAMENTO DELLA MALATTIA PARODONTALE – METODO PA-PDT

Il sistema permette di effettuare trattamenti efficaci e completi della malattia parodontale. Il trattamento è eseguito in più fasi utilizzando le varie unità funzionali di cui il sistema è dotato. Il sistema consente, infatti, di eseguire procedure di fotoablazione per la rimozione dell’epitelio giunzionale, sulculare e gengivale esterno infiammato con eccellente emostasi, facilitando così l’esecuzione della procedura di rimozione della placca e levigatura della radice (SRP). Inoltre, in associazione ad agenti fotosensibilizzanti (es. blu di metilene o blu di toluidina) il sistema consente l’esecuzione di terapie fotodinamiche per una ulteriore decontaminazione batterica e inattivazione fotochimica del prodotto batterico tossico LPS. Il sistema consente il controllo della temperatura tissutale e dell’ area trattata, infatti offre la possibilità di controllare, durante l’esecuzione, l’avanzamento del trattamento aumentandone il livello di efficacia e sicurezza.

PERIMPLANTITI

Il sistema consente l’applicazione ci un protocollo applicativo per il trattamento efficace laser assistito di alcune perimplantiti di origine batterica, attraverso la decontaminazione dei tessuti. Le problematiche legate alle peri-implantiti sono, in linea di principio, equivalenti a quelle della malattia parodontale. Pertanto le tecniche di trattamento delle peri-implantiti sono assimilabili a quelle utilizzabili per la parodontite, quindi fotoablazione, decontaminazione, terapia fotodinamica e fotoinduttiva. Occorre, però, tener presente che nel caso di peri-implantiti si deve agire nelle vicinanze di impianti, quindi di superfici metalliche con caratteristiche ben definite. Questa circostanza rende il trattamento più complesso. È necessario, infatti, evitare in ogni modo di irraggiare e/o toccare la superficie dell’impianto per evitare sia accumuli di calore sull’impianto stesso, accumuli che poi sono trasmessi ai tessuti causando potenziali danni termici anche gravi, sia l’alterazione della morfologia e/o composizione chimica della superficie, alterazione che può inficiare la biocompatibilità e/o l’integrazione dell’impianto nei tessuti. Tuttavia il biofilm presente deve essere rimosso. Si deve osservare che, dai vari studi clinici pubblicati, emerge che, come nel caso della parodontite, un solo tipo di terapia, come ad esempio solo fotoablazione, solo decontaminazione, solo fotodinamica, non produce risultati soddisfacenti.

SBIANCAMENTO DENTALE CON (MANIPOLO LED VIOLA)

Il sistema può essere utilizzato per attivare il processo di sbiancamento dentale tramite applicazione di sbiancanti contenenti fotoiniziatori.

MUCOSITE

Il termine generico di “mucosite” è utilizzato per definire l’infiammazione di una membrana mucosa. Pazienti sottoposti a radioterapia e / o chemio radioterapia soffrono di grave mucosite orale indotta dalla terapia, di cui è frequente effetto collaterale. La terapia laser assistita può essere utilizzata per tenere sotto controllo l’evoluzione della patologia, riducendo i danni infiammatori e promuovendo la rigenerazione tissutale. La terapia laser a bassa potenza può essere usata non solo per trattare la mucosite, ma anche per ridurne la sintomatologia se l’irraggiamento è effettuato prima della radio/chemio-terapia.

SINDROME TEMPORO-MANDIBOLARE

Problemi nella regione articolare temporo-mandibolare (TMD) possono essere spesso trattate efficacemente con la terapia laser. Il tipo di trattamento laser assistito, offerto dalla piattaforma, consente, con un metodo non invasivo, risultati eclatanti già a partire dalla prima seduta.

DOLORE DENTALE E/O ORTODONTICO

In campo odontoiatrico, i pazienti denunciano frequentemente il dolore o il malessere conseguente a trattamenti chirurgici, estrazione dentale, e/o applicazioni ortodontiche di riposizionamento dei denti, etc… Il sistema consente l’esecuzione di trattamenti che possono ridurre o eliminare il dolore di varia origine.

PARESTESIA

A seguito della chirurgia orale possono verificarsi parestesie, in particolare nella regione mandibolare. Il sistema consente una procedura per eliminare o ridurre tali complicanze.

SINUSITE

Il sistema laser consente applicazioni per una veloce riduzione dei sintomi della sinusite di origine virale o batterica, semplificando anche il trattamento farmacologico.

ACUFENI/VERTIGINI

La piattaforma permette trattamenti laser rivolti al rilassamento muscolare, la riduzione del dolore e di stimolazione di attività antiinfiammatorie che possono essere di ausilio nella riduzione degli acufeni e delle vertigini.

TRIGEMINONEURALGIA

Oltre ad essere estremamente debilitante, la nevralgia del trigemino a volte può rendere impossibile un trattamento odontoiatrico. Il trattamento laser assistito, con un metodo non invasivo, può offrire un conforto per i pazienti e consentire al dentista le sue attività cliniche.

DISINFEZIONE DEI CANALI CON TERAPIA FOTODINAMICA

Il dispositivo 4×4 Dental Laser System può essere utilizzato anche per trattamenti endodontici di decontaminazione dei canali con applicazioni di fototerapia, utilizzando opportuni agenti foto-attivabili (es. blu di metilene o blu di toluidina).

Dental Laser 4×4

Dental Laser 4×4

Dental Laser 4×4